TAR Lazio: revoca sospensione dall’albo sanitario non vaccinato. 04/05/2022

Ancora notizie positive. E stavolta è il TAR Lombardia a comunicarcele con decreto cautelare per mezzo del quale revoca la sospensione dall’Albo di un medico perché il termine dei 90 giorni applicato in tutta Italia dagli Ordini Professionali dei Sanitari viola persino una precedente circolare del Ministero della Salute che prevedeva una moratoria dell’obbligo “vaccinale” Covid-19 di quantomeno 6 mesi dall’infezione virale (termine, come sappiamo, privo di base scientifica).

Se confermata anche in sede di sentenza, la decisione del TAR Lombardia suggerirebbe a tutti gli Ordini Professionali del comparto sanitario la revoca dei rispettivi provvedimenti di sospensione affetti dunque da gravissima illegalità. I membri dei Consigli degli Ordini Professionali, infatti, rimarrebbero esposti a responsabilità personale anche di natura patrimoniale.

Torna su